martedì 17 ottobre 2017

LUNA DI MIELE IN AMERICA: 4 TAPPE, DIVERSE EMOZIONI


new york, outfit, viaggio di nozze

Dicono che ogni viaggio lo vivi tre volte: quando lo sogni, quando lo vivi e quando lo ricordi. Ma sognarlo, viverlo e ricordarlo non ti da la capacità di raccontarlo così come dovresti. Ci sono circostanze in cui non sai da dove iniziare. Credi di non saper usare le parole. Ti sembrano poche, inadeguate o confuse. Come quando devi raccontare un sogno: ti svegli al mattino, cerchi di definire quello che hai visto durante la notte ma lui sembra sfuggire, non volersi far definire dalle parole.
Il viaggio è un pò così: un percorso dentro te stesso che ti permette di andare oltre e di tornare diversa. Negli occhi registri visioni, nei piedi accumuli kilometri e nel cuore racchiudi le emozioni.

Siamo partiti da New York, passati da San Francisco, abbiamo fatta tappa a Las Vegas, deviato per il Gran Canyon e infine siamo arrivati a Los Angeles. Ogni città ha la sua anima e così come le persone ognuna ti crea colpi di fulmini, indifferenze, antipatie o simpatie. Ma qualsiasi posto ti regala emozioni.

Quando attraversi gli Stati Uniti in largo e in lungo devi farci l'abitudine. Le emozioni saranno diverse, di diversa natura ma comunque tutte in grado di farti luccicare gli occhi. Alcune ti faranno venire la pelle d'oca, altre ti regaleranno un senso di felicità insensata, altre ancora un senso di spaesamento. E poi ci sarà un momento in cui ti sentirai nel posto giusto, al momento giusto. In una parola: appropriata. E proprio per questo appagata.

Ci sarà tempo per darvi delle dritte su dove andare, cosa vedere, cosa mangiare assolutamente e come muoversi. Anzi se avete domane o curiosità scrivetemi nei commenti. Ora, però, voglio parlarvi esattamente delle emozioni più forti. Una per città.


new york, outfit, viaggio di nozze

new york, viaggio di nozze

New York

E'  il mio colpo di fulmine confermato. Ritornarci per la seconda volta mi ha fatto sentire davvero fortunata e questo viaggio ha confermato quello che so per certo. E' lei la città che mi fa battere il cuore, sempre. Qui si solleva lo stupore di chi pensa sia solo una sfilza di grattacieli. Ma New York è molto di più: è magia, stupore, energia pura e vita vera. Questa città ti fa sentire al centro del mondo: hai quasi la sensazione di sentire il sangue scorrerti nelle vene e il cuore rimbombarti nelle orecchie. Non so se riesco a rendere l'idea. Ma la grande mela sembra amplificare i tuoi sensi. Per lo meno a me fa stare con gli occhi spalancati e mi fa sentire VIVA.

L'emozioni più forte? Il senso di vuoto dell 9/11 Memorial. Lì dove prima c'erano le Torri gemelle ora ci sono due enormi piscine quadrate. Sul bordo tutti i nomi delle vittime, l'invito a sfiorare i nomi con le mani e tutto intorno 400 alberi di quercia. Tristezza e voglia di piangere nel polmone verde tra i grattecieli che sembra ammutolire tutti.


san francisco, outfit, luna di miele

San Francisco

Un volto completamente diverso. E' la città dei sali e scendi continui e delle viste panoramiche. Una popolazione variegata con architettura eclettica. La chiamano "Fog City" perchè la nebbia l'avvolge spesso per metà della giornata. Se siete "fortunati" assisterete allo spettacolo di magia della nebbia tipica della zona che farà apparire e sparire il Golden Gate Bridge rendendolo quasi una visione.
La sensazione più bella? Scorazzare in bicicletta dal Fisherman's Wharf fino al ponte (simbolo della città) percorrendo tutto il litorale sotto la piogerella, la nebbia, il sole e il vento. Odio la pioggia, ma quel giorno è stata la compagnia perfetta della nostra passeggiata bordo Oceano.


Las Vegas 

Lì dove tutto è possibile: essere in una città ma girarne molte di più come se avessi il teletrasporto e potessi andare in un attimo a Roma, poi a New York, Venezia e persino Parigi. Tutto luccicante tutto un gioco continuo. Ma la vera emozione te la regala il Grand Canyon che dista dalla città circa 4 ore. Un viaggio nel viaggio che bisogna assolutamente fare. Mozzafiato è tutto quello che posso dire. Quando gli occhi non riescono a catturarlo tutto, il fiato sembra mancare e tu ti senti un puntino nel mondo. Quel mondo che sa sempre sorprenderti con l'asso nella manica: Madre Natura.

Los Angeles

Nessun luogo mi ha fatto sentire sperduta fino ad ora. L.A. ha questo "merito". L'impatto inziale è stato antipatia ma la città poi si è fatta assolutamente perdonare. Mi ha regalato un tramonto stupendo che difficilmente scorderò. Ha avuto il merito di farmi bagnare i piedi nell'oceano e mi ha davvero emozionato. Un emozione che sembra stupida ma non lo è. Lungo la Walk of Fame di Hollywood nel Teatro Cinese cercavo le impronte di Marilyn Monroe e non le trovavo. Mezz'ora a passarle in rassegna tutte. Stavo per andarmene quando ho sentito una turista spagnola dire che le aveva viste. L'ho seguita così come ha fatto tutto il suo gruppo ed eccomi proprio dove ero passata diverse volte senza vedere ciò che avevo sotto i miei piedi. La fila s'è dileguata quasi per magia e siamo rimaste io e lei. Il tempo di mettere le mie mani sulle impronte e... via alla magia. Come se le avessi sfiorato l'anima, come se ne avessi percepito tutta la fragilita' di un mito.  "Hollywood è un luogo dove ti danno 1000 dollari per un bacio e 50 centesimi per la tua anima." Parola di Marilyn. Forse è stata comprensione, forse è stata una carezza.


A volte le parole non bastano. E allora arrivano le emozioni. Tantissime. Diverse. Ve ne racconterò tante altre prossimamente.
#NonBastaViaggiareBisognaImparareAEmozionarsi


   SEGUI STYLEGRAM SU FACEBOOK, TWITTER E INSTAGRAM 






Nessun commento:

Posta un commento