lunedì 2 marzo 2015

DOLCE&GABBANA: IN PASSERELLA UN INNO ITALIANO ALLA MAMMA

sfilata dolce & gabbana, mamma

A sfilare vestita di pizzo è un idea, un amore unico. Quello di un bimbo per la sua mamma. Se poi questo bimbo non è più tale, ha 52 anni e si chiama Stefano Gabbana poco importa. Ciò che importa è che insieme a Domenico Dolce ha creato l'ennesima collezione degna di nota. Quella autunno-inverno 2015/2016 è dedicata alle mamme.
In primis le loro sedute in prima fila, poi alle modelle che hanno sfilato con i braccio i loro figli neonati e ovviamente alle clienti donne e mamme future.
A rendere suggestiva la sfilata tutta l'organizzazione. Dall'invito, una frase scritta da un Stefano Gabbana piccolo per la sua mamma, alla musica d'accompagnamento, W la mamma di Edoardo Bennato tradotta per l'occasione in 14 lingue in modo da regalarla a tutti i presenti, sino all'hashtag #dgmamma
A rappresentare la collezione sulla passerella, la modella preferita dagli stilisti, una Bianca Balti raggiante nonostante il pancione di sei mesi, perfetta testimonial della nuova collezione dedicata alla maternità.

"Son tutte belle le mamme del mondo quando un bambino stringono al cuor. Son le bellezze d'un bene profondo fatto di sogni, speranze ed amor". Così cantava Umberto Bertini nel 1954. Settant'anni dopo la sfilata di Dolce & Gabbana porta in giro per il mondo lo stesso concetto. Solo che le note volano e la scritta "mamma" sui vestiti resta. Così come resta viva nella mente l'ormai consueta uscita di gruppo che sancisce il finale di sfilata di Dolce & Gabbana. Questa volte uno sciame di mamme in elegante pizzo nero in pieno stile #dgfamily.

invito sfilata dolce & gabbana, mamma
da instagram @stefanogabbana
sfilata dolce & gabbana, mamma, bianca balti

sfilata dolce & gabbana a/i 2015/2016, mamma

sfilata dolce & gabbana a/i 2015/2016, mamma


sfilata dolce & gabbana a/i 2015/2016, mamma

sfilata dolce & gabbana, bianca balti mamma






sfilata dolce & gabbana, dedicata alla mamma




SEGUI STYLEGRAM SU FACEBOOK, TWITTER E INSTAGRAM



Nessun commento:

Posta un commento