domenica 26 maggio 2013

THINKING OF... THE GREAT GATSBY


Il passato non può tornare ma i libri possono sempre rivivere in un film. E' il caso de Il Grande Gatzby definito film dell'anno con le critiche e le esaltazioni del caso. La storia è quella scritta da Francis Scott Fitzgerald nel 1925. La regia è quella visionaria di Baz Luhrmann, lo stesso di Romeo+Giulietta e Moulin Rouge per intenderci.
Nei panni di Jay Gatzby un Leonardo Di Caprio visibilmente invecchiato. In quelli di Daisy l'attrice Carrey Mulligan. Come sfondo la New York dei ruggenti anni '20. Gli anni del jazz, delle flapper, dei lustrini e le frange sui vestiti, del taglio alla maschietta e dei balli sfrenati nel retro di un locale. La colonna sonora è l'arrangiamento perfetto di canzoni moderne in chiave twenty. I vestiti femminili sono firmati Prada e Miu Miu: in tutto quaranta abiti arricchiti con cristalli, paillettes e  frange danzanti i cui cromatismi prendono spunto dalle pietre preziose giocando con le sfumature di giada e topazio, affiancati ai total gold touch. Quelli maschili sono Brooks Brothers. I gioielli super luccicanti, è inutile dirlo, sono Tiffany&Co. E poi fiumi di champagne Moet&Chandon.

Ma chi è questo fantomatico Gatsby? Tutti ne parlano e nessuno lo conosce. Un gentiuomo misterioso e affascinante che tutti i fine settimana da party a cui tutta la città partecipa senza invito. Nonostante lo sfarzo, gli eccessi e la ricchezza Gatsby è un eroe romantico che lavora, sì ma solo per raggiungere un sogno: l'amore mai sopito che alimenta da cinque anni per Daisy, sposata da altrettanti anni con Tom.


leonardo di caprio



daisy


L'ho visto conscia del gelo con cui il film è stato accolto a Cannes. Ma più passavano i minuti più lo sfavillante mondo di Gatsby mi avvolgeva e il suo amore puro e forse un po' ossessivo mi inteneriva. Estasiata già a metà del primo tempo ho cominciato a sognare. 
Ho capito che di uomini come Gatsby ce ne vorrebbero: lui lo sa che i fiori non sono mai abbastanza. Ho capito che lo spirito ruggente degli anni Venti non tornerà mai e un'invito a una festa "old style" sarebbe gradito. Che gli anni passano ma l'amore no e "Sono senz'altro contenta di rivederti" è una frase più che perfetta. Che è vero che nascere femmina è una fortuna ma poi ti viene il dubbio e quasi ci credi: " la miglior cosa che una donna possa essere in questo mondo è una bella oca giuliva". Solo una donna così poco noncurante può distruggere tutto e restare indifferente. 










Nessun commento:

Posta un commento