sabato 9 febbraio 2013

CARNIVAL PARTY: CREARE UNA MASCHERA ROVISTANDO NELL'ARMADIO

Coriandoli e stelle filanti lanciati in aria aprono il sipario presentando il Carnevale, festa per bambini e non solo. Anche per adulti che non hanno smarrito la voglia di divertirsi vestendo per una sera i panni di personaggi reali o inventati, supereroi, cartoons e co. 
Se non avete perso la voglia di travestirvi e il piacere di inventare e provare dico solo due cose: ballerina di can can e ragazza flapper (per intenderci: quella che ballava il charleston negli anni venti). "Maschere" semplici da realizzare che garantiscono un risultato raffinato.

Non dovrete andare alla ricerca di parrucche, costumi e accessori vari. Dovrete solo fare un rapido inventario di tutti i vestiti della casa. Quelli messi e dismessi. Quelli chiusi in uno scatolone o dimenticati in un angolo. Loro, proprio loro, saranno quelli che vi tireranno fuori dall'inghippo: "Ma come posso vestirmi a Carnevale?"

Tornata da Parigi e avendo soggiornato in zona Montmartre a un passo dal Moulin Rouge non potevo che pensare a fare la ballerina. Una gonna a ruota di taffetà, un corpetto nero, un boa rosso e dei tronchetti con l'aggiunta di calze a rete e giarrettiera e il costume era pronto. Ma poi il mio vestito con le frange di H&M, acquisto di qualche anno fa, ha avuto la meglio. 


Ho optato, così, per la flapper. Che #sappiatelo: essere flapper non era una moda, ma un'attitudine. Furono le protofemministe irriverenti dei mitici anni ruggenti. Bevevano, fumavano e ballavano in pieno epoca di proibizionismo. Vivevano secondo le loro regole, inseguendo libertà e felicità, sfruttando la bellezza e la femminilità per emanciparsi. Il charleston era il ballo delle loro notti brave. Avendo un vestito con le frange, mille e più collane di perle ho semplicemente comprato una piuma e la sigaretta lunga. Ho aggiunto delle scarpe in tinta creamy Bershka, una borsa vintage e dei guanti in prestito. L'unica rivisitazione: al posto del boa una sciarpa pelosa (della mamma ovviamente, se no non c'è gusto).


idee per carnevale



In un attimo il mood carnevalesco mi ha riportato indietro agli anni Venti e all' atmosfera dei film muti e in bianco in nero. E se il vostro guardaroba non comprende un vestito con frange, lustrini, piume o pailletes, non disperate. Qualsiasi vestito nero sarà perfetto con l'aggiunta di una cascata  di intramontabili perle.



Nessun commento:

Posta un commento