venerdì 6 aprile 2012

COSMETICA: LE ALTERNATIVE BIOLOGICHE


Eco-beauty! Questo è il nuovo must della cosmetica. Nel mese dedicato all'ecologia non possiamo non parlare della nuova frontiera di cosmetici & co. Prodotti dichiaratamente naturali possono non esserlo realmente se vengono realizzati con estratti ma conservati con prodotti chimici. E questo lo so bene io che a causa di un'improvvisa e ormai duratura sensibilizzazione della pelle con allergia annessa, non posso fare acquisti esagerati in profumeria.
Solo scelte oculate in erboristeria passando in rassegna i minuscoli ingredienti scritti sulle confezioni.
I parabeni! Quegli illustri sconosciuti sono presenti ovunque: dalle creme ai bagnoschiuma; dai trucchi ai farmaci fino agli alimenti. Conservanti a basso costo, si presentono sotto le vesti di metlyl, ethyl e così via ...paraben. Tuttavia sono nocivi non solo per chi come me lievita clamorosamente al loro contatto, ma anche per chi usandoli non nota nessuna reazione. Una recente ricerca lo dimostra: a lungo andare sono cancerogeni.

Ultimo acquisto: crema idratante colorata Planter's + campioncini

E' per questo e non perché poche persone siano allergiche che diverse marche stanno cominciando a commercializzare prodotti "paraben free", "peg free" e "silicon free".
In erboristeria i prodotti realmente naturali, creati a partire da produzioni biologiche e quindi dotate di certificato Ecocert sono numerosi, ma a volte costosi e ti danno l'idea di non poter realmente scegliere. 
Per lo meno sono di ottima qualità. I miei preferiti sono Helan per le creme corpo e Lepo per i trucchi. 
Ma per fortuna anche prodotti di larga distribuzione, vista la crescente consapevolezza e richiesta, si sono votate alla cosmetica biologica. Primo tra tutti Garnier con la linea Bio Active e ultimamente anche tutti gli shampoo e balsamo. E io ringrazio vivamente. Poi anche le ultime creme di Kiko e i trucchi di Euphidra
Tuttavia lunga e impervia e la via. Essendo nocivi dovrebbero essere eliminati da tutti. E in attesa che ciò accada dove non espressamente dichiarato io passo in rassegna gli ingredienti.
Per chi non è esperto o per chi non è dotato di una grande vista, dal mondo delle App arriva un aiuto: Cosmetifique, un ottima guida nel mare magnum dei componenti dei prodotti che usiamo. Basta inserire il nome dell'ingrediente e un pallino verde, giallo, arancio o rosso indicherà la sua accettabilità o meno. 
Da ottimo ad accettabile giungendo a non buono e pessimo. 


Una cosa è certa. Se i cosmetici sono fatti per idratare, nutrire e rassodare la nostra pelle non dovrebbero essere nocivi. E se le alternative ci sono provatele e parafrasando un noto marchio: Prendetevi cura di voi stesse!

Nessun commento:

Posta un commento